L’acquisto dell’auto comporta una grande spesa iniziale, che comunque può essere finanziata e rateizzata, ma anche tutta una serie di costi periodici . Spesso abbiamo avuto discussioni sul costo di manutenzione dell’auto e dei vari tagliandi, obbligatori o facoltativi.

Raramente qualcuno dei lettori di questo blog ha chiesto informazioni sul costo di assicurazione dell’auto, anche se è da sostenere annualmente ed in certe situazioni è un costo non di poco conto.

Personalmente è diversi anni che mi avvalgo delle assicurazioni auto on line con cui mi sono sempre trovato bene, anche cambiando spesso compagnia, e risparmio molto.

Per trovare l’assicurazione migliore esistono tanti preventivatori on line che più o meno restituiscono gli stessi risultati. Personalmente preferisco 6sicuro.it a cui sono iscritto da diversi anni, perchè mi semplifica il lavoro di ricerca delle assicurazioni.

Su 6sicuro.it infatti ho la mia area personale in cui sono memorizzati i miei ultimi preventivi fatti, sia per l’auto che per lo scooter, e nel periodo che devo rinnovare l’assicurazione basta riprendere l’ultimo preventivo memorizzato e partire da quello per fare le nuove ricerche, senza dover inserire da capo tutti i miei dati personali e quelli dell’auto.

Con il tempo il sito si è espanso. Ad esempio adesso confronta anche i mutui casa, invia periodiche newsletter ed ha una sezione blog con aggiornamenti sul mondo delle assicurazioni.

Proprio oggi sul blog di 6sicuro.it è stato pubblicato un  articolo dal titolo “Assicurazione Auto: calcolare il premio” in cui vengono spiegati i fattori oggettivi e soggettivi per cui il premio dell’assicurazione varia tanto da persona a persona.

I fattori oggettivi sono la potenza del veicolo, la provincia di residenza dell’assicurato, l’alimentazione (benzina/diesel) e le caratteristiche di sicurezza dell’auto.

I fattori soggettivi sono l’età ed il sesso dell’assicurato, anche se il prossimo 21 dicembre entrerà definitivamente in vigore la direttiva UE 113/2004, che vieta espressamente le  discriminazioni fondate sul sesso, l’anzianità di guida e le caratteristiche del conducente e l’uso che fa dell’auto.

Dalla mia esperienza nell’uso delle assicurazioni online, e dalle decine di preventivi che valuto ogni anno da molti anni, aggiungerei anche quali sono i motivi per cui a parità di condizioni oggettive e soggettive il prezzo varia comunque da compagnia a compagnia:

1. Il prezzo finale è influenzato anche dal tipo di copertura a partire dai massimali; il minimo previsto dalla legge è di 2.500.000€ per i danni alle persone e di 500.000€ per i danni a cose, ma le varie compagnie possono proporre massimali diversi .

2. La polizza può prevedere limitazioni importanti come ad esempio un’età minima per condurre il veicolo o l’esclusività di guida del solo conducente assicurato.

3. La polizza può prevedere franchigie e rivalse nel caso di sinistro.

4. Se si scelgono coperture accessorie come incendio, furto e assistenza stradale valutare nel dettaglio cosa offrono le singole compagnie.

5. In caso di sinistro con colpa normalmente il conducente non è coperto dalla polizza RCA: la possibilità di sottoscrivere una polizza che copra l’infortunio del conducente fa aumentare il premio.

Quindi quando si ha davanti tanti preventivi per l’assicurazione RCA non bisogna guardare solo il prezzo finale, ma anche le caratteristiche della polizza e si deve scegliere anche l’assicurazione che più rispecchia le nostre aspettative.

Cosa ne pensi ?