quadro strumenti clio

Questo è il quadro strumenti della Nuova Clio .

Il disegno complessivo è tondeggiante, in armonia con il resto del cruscotto piuttosto ampio di curve .  Sopra il quadro una pensilina ovoidale provvede ad ombreggiarlo.

A sinistra troviamo il cerchio del  contagiri che contiene anche l’indicatore della temperatura, le spie delle luci e la freccia a sinistra .

A destra, in simmetria, troviamo il tachimetro con evidenziate attraverso la presenza e la grandezza dei numeri i limiti di velocità più comuni : 50, 90 e 130 km/orari .

Nello stesso cerchio del tachimetro c’è spazio per l’indicatore del carburante (benzina o diesel, ma non per il GPL), la spia controllo motore e freno a mano tirato.

Fin qui direi una strumentazione del tutto normale .



Nella parte centrale, dall’alto in basso, il display del computer di bordo, anche se è un termine inappropiato . Più che computer di bordo direi strumentazione digitale .

Le funzioni del computer di bordo comunque le riferirò in un prossimo articolo .

Al centro prende sicuramente troppo spazio la spia per segnalare le portiere aperte .

Visto che si tratta di una spia unica per tutte le portiere, bastava una lucetta piccolina. Infatti qualsiasi sportello apriate, anche il baule, si illumina sempre l’intera macchinina . Mi sembra un po’ una presa in giro .  I sensori ci sono comunque a tutte le portiere. Non credo ci volesse tanto a segnalare anche con precisione quale sportello risulta aperto .

Un’altra cosa che non capisco e la satinatura di abbellimento intorno a questa spia. Carina si, rende il quadro più prezioso, ma anche asimmetrico perchè la satinatura va solo dalla spia portiera a destra verso il tachimetro, e  non anche verso il contagiri .

Più in basso le spie per segnalare le irregolarità del motore e il cicalino centrale per l’attivazione dell’immobilizzatore .

Gli strumenti sono illuminati da una luce rosso-arancione, molto pratica al buio, e regolabile in intensità tramite una rotella in basso a sinistra del volante .

Il volante stesso ha un disegno che ricalca il quadro, in modo che a ruote dritte il quadro sia interamente ben visibile attraverso il volante .


5 thoughts on “Il quadro strumenti della Clio

  1. si è vero, anche a me sembra un pò una presa in giro quello della spia per segnalare le portiere aperte…

  2. si, anch’io ho questa macchina per mia moglie e confermo che c’è un’unica spia per qualsiasi porta aperta.Però ho anche una laguna dove per ogni porta aperta c’è la sua spia e segnala anche se c’è solo il bagagliaio aperto.Però ora c’e qualche contatto in una serratura (lato pass.ant)e non accendendosi la luce sul pannello portiera di cui la laguna è dotata non si accende neanche quella sul sisplay porte aperte.

  3. La storia della spia unica per le portiere assomiglia a quella della mancanza dell’illuminazione per i pulsanti degli alzavetri. Incomprensibile. Sprattutto perché alcune Clio a sentire i proprietari sono state prodotte con i pulsanti illuminati e la spia che segnala esattamente quale portiera è rimasta aperta. Boh!

  4. Economie di scala..e quante ne ha questa povera Clio!! Non mi lamento,sono abbastanza soddisfatto dell’auto,tranne il pedale della frizione che scricchiola! Ha cominciato a circa 1.000km sono passato al concessionario che mi ha liquidato con un ”basta lubrificare al primo tagliando!” E io devo tenermi così l’auto per altri 29.000km??? Ora sono a quota 7.300km..non nè posso più dello scricchiolio..Domani la riporto al concessionario!!
    Comunque questa nuova Clio ha tante economie..apparte la spia porte aperte e i tasti degli alzacristalli non illuminati (la mia vecchia Clio II li aveva illuminati!!!).Anche il clacson è uno schifo!
    Ha l’intero quadro strumenti della Mégane II del 2002,oltre alle leve luci,chiavi con spadino retrattile,comandi del clima (sia automatico che manuale) oltre ai tasti del cruise control..Diciamo è stata prodotta con molti ”avanzi” della vecchia serie Mégane e anche di altre Renault come il comando per regolare gli specchietti,la radio,i tasti degli alzavetri,le maniglie interne (uguali a quelle della Twingo attuale e della DACIA Sandero!!) le maniglie esterne sempre della vecchia Mégane e anche il tasto scomodissimo per aprire il baule..ed altre cose che ora non mi vengono in mente!

  5. È vero. La luminosità del quadro della nuova clio, a luci accese, si regola con la rotellina posta dietro lo sterzo sulla sinistra! Anche io ho perso un mucchio di tempo..

Cosa ne pensi ?